Monitoraggio Attività AEEGSI – Maggio 2016

Anche nel mese in analisi l’Autorità continua imperterrita a buttar fuori atti ad un ritmo frenetico, come chiaramente visibile dal grafico riportato di seguito.

In particolare, nel mese si contano in tutto 66 atti, quindi assolutamente in linea con gli ultimi 2 mesi (65 atti ad aprile e 66 a marzo), ciò in decisa controtendenza rispetto agli anni scorsi, quando tra aprile e maggio c’era sempre stata una certa discontinuità.

A livello cumulato, nei primi 5 mesi dell’anno siamo arrivati a 274 atti, mentre nel 2015 di questo periodo eravamo a 259 (+15 atti, ovvero +6%) e nel 2014 a “soli” 231 (+43 atti, +16%).

Il mix degli atti approvati nel mese di maggio è (ovviamente)  molto sbilanciato verso le delibere (57 su 66, 86%), anche se meno rispetto ai mesi precedenti dato che, insieme alle delibere, si contano molti DCO (7, 11%), nonché 1 parere e 1 memoria.

Analizzando nello specifico le delibere, si vede che quasi il 51% di queste (29 su 57) sono di tipo regolatorio, mentre il restante 49% è (+ o  -) equamente distribuito tra le delibere di enforcement (8, 14%), sanzionatorie (S) (8, 14%), amministrative (A) (6, 11%).

Anche a maggio, come nei mesi precedenti, il settore più toccato dall’attività del regolatore è stato quello dell’energia elettrica (24 atti su 66, 36%; in calo rispetto ad aprile), mentre il settore gas si ferma a soli  14 atti su 66 ( 21%, in calo rispetto ad aprile). Al contrario, in settore idrico è in netta ascesa con 11 atti su 66 (un ottimo 17%, rispetto al risicato 6% di aprile).

Tra questi, spiccano il DCO 205/2016/R/gas in materia di valorizzazione degli investimenti nella distribuzione gas effettuati a partire dal 2017, il DCO 267/2016/R/eel in materia di riconoscimento dei costi degli Smart Meter EE 2G, il DCO 216/2016/R/com  sulla fatturazione di periodo nel mercato retail e il DCO 288/2016/R/eel sull’attesa revisione del Testo Integrato Misura EE

Diapositiva1Diapositiva2Diapositiva3